Da Marcel Proust lo spunto per un nuovo progetto di medicina narrativa